Archive for luglio, 2008

My Open City, il primo social network italiano

lun, 28th luglio, 2008 - Posted by - (1) Comment

[via oltreweb]
In My Open City c’è tutto quello che serve in un social network: gestione degli amici, possibilità arricchire il proprio spazio di testi, foto, filmati, file audio o file di qualsiasi tipo, da condividere, segnalare, votare. My Open City (abbreviato in MOC) è il primo social network italiano ed è piaciuto così tanto che Fastweb lo ha trasformato nella propria community.
Grazie a questo felice incontro, i clienti di Fastweb, con pochi click, possono integrarsi con il resto della community di MOC, per creare una grande compagnia di amici in cerca di qualsiasi cosa.

My Open City è un posto virtuale che ha serie intenzioni di sconfinare nel reale. Se avete notato alcuni grandi movimenti nel web degli ultimi mesi, vi sarete accorti che una parte delle attenzioni delle grandi aziende (per citarne un paio: Google e Nokia) è rivolta al mondo delle mappe e, più in generale, della geolocalizzazione. Il web, per capirci, ha smesso di essere soltanto un metaluogo dove ci si trova virtualmente per fare cose immateriali per trasformarsi in un luogo/strumento virtuale che ci aiuta e ci guida nella nostra vita reale. Cerchiamo un ristorante? Prima il web ci forniva indirizzo e numero di telefono per chiamare e prenotare. Adesso gli strumenti di geolocalizzazione ci dicono dove si trova e ci disegnano la mappa per raggiungerlo. Un passo più in là della stampa del percorso troviamo i telefoni cellulari di ultima generazione, dotati di GPS, che sono in grado di condurci fino al ristorante che abbiamo scelto (o che ci è stato suggerito mentre cercavamo qualcos’altro!).

Adesso che abbiamo a disposizione My Open City, proviamo a geolocalizzare non soltanto ristoranti, bar, discoteche, ma anche eventi, manifestazioni, situazioni di ogni giorno (come “vado dal panettiere”) e… amici. Ecco il senso di questo social network: creare un ponte tra la realtà virtuale e la vita reale per riuscire ad alimentare una realtà unica, arricchita da informazioni provenienti da ogni luogo (che sia reale o virtuale). Basterà un twit (qui parliamo di “eMOCzioni”) per lanciare un messaggio dalla propria vita reale a quella virtuale, geolocalizzato. Se stiamo vedendo dei fuochi d’artificio dalla piazza di un paese, il nostro appunto sarà letto nel contenuto e localizzato su una mappa, in modo che i nostri amici nei paraggi abbiano la possibilità di correre lì dove siamo noi, per assistere allo spettacolo.

Possiamo quindi inventarci al volo un’occasione per incontrare amici vecchi e nuovi a una festa improvvisata in un locale, oppure pianificare un evento al quale dare precise coordinate spaziotemporali in modo da rendere facile e immediata la partecipazione.

Gli strumenti messi in gioco adesso sono molto semplici ma raggiungono l’obiettivo. Posso lanciare la mia eMOCzione dicendo che sono in ufficio a scrivere questo articolo e tutti i miei amici possono vederla non solo in versione testuale ma anche collocata sulla mappa di Perugia nel punto esatto in cui mi trovo – e chi vuole passare a salutarmi potrà portare generi di conforto!

Il futuro di questo mondo virtuale è intuibile. Sempre più spesso ci troviamo in tasca telefoni mobili dotati di così tanta tecnologia inutilizzata che presto o tardi dovremo pur sfruttare. Uno dei modi sarà proprio quello di lanciare i nostri segnali dal nostro cellulare e farli arrivare ai nostri amici (o a tutti) attraverso My Open City. Caricheremo fotografie, video girati al momento, file audio, spiattelleremo il nostro stato d’animo e scriveremo le nostre impressioni mentre seguiamo un concerto. E tutto questo, che ci succede nella vita reale, sarà pubblicato all’istante nello spazio virtuale di My Open City, creando un interscambio proficuo e dagli effetti imprevedibili tra la nostra vita reale, la nostra presenza virtuale e la vita reale delle persone in contatto con noi.

Dove si andrà a finire non lo so. Ma ho idea che sarà molto interessante.

Marco Morello di supersalute.com

Category : Articoli

Usare Twitter da Instant Messenger con Twitt’d

dom, 27th luglio, 2008 - Posted by - Commenti disabilitati

Twitt’d permette di utilizzare Twitter dai più comuni instant messenger.

Infatti Twitt’d supporta Skype, Google Talk, Yahoo! Messenger e Windows Live Messenger, dai quali è possibile utilizzare un bot a cui inviare i propri messaggi.

Per utilizzare Twitt’d basta seguire queste istruzioni e aggiungere ai propri messenger questo contatto:

Una volta aggiunto Twitt’d alla lista contatti del tuo IM preferito, inviagli un messaggio dicendo “hi” e ti chiederà di inserire le tue credenziali per Twitter (username e password).

Twitt’d comincerà ad inviarti gli updates dei tuoi contatti Twitter e ogni messaggio inviato da Twitt’d sarà postato direttamente nella tua Twitter timeline!

Un paio di comandi da digitare nell’IM e che possono essere utili:
/updates – interrompe gli updates dei contatti
/changepassword NEWPASSWORDHERE – se vuoi cambiare la tua Twitter account password
/forgetme – cancella per sempre il tuo Twitt’d account

(crossposted by catepol)

Category : Articoli

EasyTweets: gestione di account Twitter da web

gio, 17th luglio, 2008 - Posted by - Commenti disabilitati

Dopo Matt che presentavo giorni fa, ecco un’altra applicazione web per gestire account multipli di Twitter.

EasyTweets è un nuovo servizio web-based tche assomiglia alle tradizionali piattaforme di blogging e che serve per gestire Twitter account multipli direttamente da web senza dover utilizzare client desktop tipo Twhirl per postare con diverse identità.

Una volta registrati su EasyTweets,aggiungi i tuoi account Twitter inserendo le credenziali di ognuno. Io lo provo inserendo i due account @catepol e @materacamp.

Passare da un account all’altro è possibile da un pull-down menu in alto a sinistra oppure direttamente dalla dashboard molto lineare che EasyTweets ci offre.

Per gestire account diversi su Twitter è ottimo. Per postare, selezionare l’account e utilizzare la tab“Write” per postare nuovi Tweets. La funzionalità di URL shortening/abbreviazione di URL lunghe è automatica, EasyTweets permette così di scrivere più di 140 caratteri nel box del testo quando c’è un URL  e poi di utilizzare il bottone “shorten URL” per Twitter che si blocca al raggiungimento dei 140.

Oltre alla tab Write per scrivere i Tweet, è possibile programmare un post con orario e data in modo da postare twit programmati proprio come quando si programmano i post sul blog. Bè se vuoi stare in contatto con i tuoi followers 24×7 (e illuderli che non dormi mai è l’ideale come funzione), o programmare appuntamenti a cui partecipi in anticipo in modo da aggiornare i tuoi follower all’orario giusto, la funzione è interessante.

Oltre a permettere di gestire e postare contemporaneamente su più account EasyTweets ha anche altre funzioni come ad esempio il tracking delle replies direttamente dalla dashboard di EasyTweets, vedere la lista in ordine cronologico dei tuoi  followers, il re-scheduling (quindi la riprogrammazione) di Tweets già pianificati per il futuro, che si possono sempre modificare. Puoi inoltre aggiungere un RSS feed ai tuoi account, in modo da postarli poi automaticamente come link su Twitter.

Senza dover fare il logon da un account Twitter per loggarsi all’altro, adesso con  EasyTweets gestire due o più account Twitter si può fare anche da web, facilmente. Se abbiamo aperto più account su Twitter, magari uno per gli amici, uno professionale ecc., se vogliamo fare realmente microblogging utilizzando Twitter, EasyTweets è sicuramente il servizio che fa per noi.

Category : Articoli

Twitter + Summize finalmente integrati per le ricerche su Twitter

mer, 16th luglio, 2008 - Posted by - (1) Comment

Twitter ha acquistato Summize (che già permetteva le migliori ricerche su Twitter) che quindi viene integrato direttamente in Twitter e diventa http://search.twitter.com/

E’ possibile effettuare ricerche semplici o ricerche avanzate che prevedono una serie di opzioni di ricercae di opzioni per cercare nei contenuti dei twit e delle conversazioni o direttamente tra gli utenti.

E’ anche possibile effettuare ricerche complesse utilizzando gli operatori:

Con http://search.twitter.com/ diventa sempre più semplice non perdere una conversazione che ci interessa.

Category : Articoli

Un e-book su Personal Branding con i Social Media

mar, 15th luglio, 2008 - Posted by - (1) Comment

(crosspost di caterina policaro)

“Personal Branding con i social media” di Luigi Centenaro è un agile e-book gratuito nel quale, in un linguaggio scorrevole e semplice al tempo stesso, troviamo una trattazione esaustiva dedicata soprattutto ai “non addetti ai lavori” quindi ai meno esperti. Si parla di blog, social network e di tutte le diavolerie 2.0 che utilizziamo quotidianamente. Si parla di come tutto ciò, questo nuovo modo di comunicare e conversare online possa aiutaci a promuovere la nostra immagine online e quindi la nostra reputazione. Si parla di tutto ciò, come si mangia.

L’ebook di Luigi Centenaro è puntuale e ricco di approfondimenti e  ovviamente rimandi al web ed ai servizi presentati, possiamo scariscarlo gratuitamente da qui:Personal Branding con i Social Media.

L’autore stesso ci dice che l’e-book è “per chi ne sa poco o niente”, ma c’è qualcosa di interessante per noi tutti, che già utilizziamo il web 2.0 e abitiamo la rete. Buona lettura e complimenti all’autore da 2puntozeropertutti.it.

Category : Articoli

Instant Messaging Generation

lun, 7th luglio, 2008 - Posted by - (3) Comment

Di Caterina Policaro

Leggo da Luca Colombo che il 2 luglio a Milano con NextPlora son stati presentati i risultati di una ricerca “Osservatorio internet sul mondo della messaggistica istantanea in Italia” realizzata nel mese di maggio sull’argomento “Instant Messaging” loro diffusione e loro uso. E’ intervenuto anche Andrea Giovenali, Presidente della società di ricerca, che ha presentato quanto emerge dalla ricerca.

Windows Live Messenger guida la classifica di strumenti di IM in Italia e a questo ci si poteva arrivare, vista la diffusione che questo IM ha nelle giovani genereazioni di utenti internet.

Skype se la cava benino (è conosciuto ed è utilizzato da chi, aggiungo io, ha bisogno di videochiamare piuttosto che delle emoticons), GTalk a quanto pare lo utilizziamo solo noi fighetti ;-) )

Per fare cosa si utilizzano gli IM?

La slides parla chiaro.

Come viene usato l’IM nei contesti professionali e in situazioni/contatti di lavoro?

L’obiettivo della ricerca era proprio quello di analizzare lo scenario italiano dell’Instant Messaging in modo da provare a delineare le caratteristiche e il profilo degli utenti.

Dalle slides appare che l’Istant Messaging:

  • è lo strumento di relazione adottato soprattutto dai giovani (DNA) ma oramai entrato a pieno titolo anche nelle vite di molti adulti
  • La dimensione di maggiore sviluppo dell’uso dell’IM è quella legata al lavoro
  • Abbiamo accesso continuato alla messaggistica istantanea e utilizziamo gli IM contemporaneamente ad altre attività e in multi-tasking
  • Gli IM  servono per intrattenere relazioni ed anche come un’alternativa al prime-time della Tv
  • Hanno un ruolo sostitutivo degli strumenti di comunicazione sincrona (telefono, cellulare) e asincrona (email, SMS)
  • Hanno un ruolo sempre più crescente di piattaforma utile per condividere le varie sfaccettature del proprio mondo e del proprio sé (file, foto, immagini, emozioni) in una cerchia governata e ristretta
  • L’IM è più intimo e selettivo/elettivo dei social network, meno complicato del peer-to-peer (e meno rischioso), più “tribale” delle community

Sarebbe interessante approfondire l’uso degli IM che facciamo noi (blogosfera, adulti, abitanti della rete un po’ più avanzati ecc.)

Perchè non commentare raccontandomi la vostra esperienza con gli IM? Cosa utilizzate (gtalk, msn, skype ecc), come li utilizzate, perchè? quando? Con chi? ecc.

Questa la presentazione utilizzata nella conferenza stampa che vale la pena di visionare per intero, dal momento che ci dice veramente molto sull’uso dell’IM e sulla percezione che gli utenti ne hanno, ma anche sull’effettivo uso:

http://www.slideshare.net/lucac/osservatorio-instant-messaging

Category : Articoli