Ecco una guida completa per il trattamento del tarlo

Che cos'è il tarlo?

Tarlo è il termine comune usato per riferirsi alle larve di tutti i coleotteri infestanti del legno. Pur esistendone diverse specie, la maggior parte dei danni sono causati dai tarli più comuni.

Che aspetto ha un tarlo?

Le larve dei tarli sono di solito di colore bianco crema e hanno corpi ricurvi. È altamente improbabile che tu non abbia mai visto delle larve dei tarli, poichè rimangono volentieri nascoste sgranocchiando il legno fino a quando non sono completamente cresciute. Gli scarafaggi adulti possono sembrare diversi, a seconda della loro specie di appartenenza ma quello più comune ha le sembianze di uno scarabeo alato marrone, in genere di 3-4 mm di lunghezza.

Ciclo di vita dei tarli

Esistono quattro fasi dello sviluppo dei tarli: uovo, larva, pupa e scarabeo adulto.

Gli scarafaggi del legno di sesso femminile adulto amano deporre le uova sopra o appena sotto la superficie del legno, nei pori, nelle crepe e nelle fessure. Al sicuro all'interno del legname, le larve si nutrono del legno (e causano danni!) per diversi anni fino a quando non si ammassano e si schiudono come scarafaggi. Quando hanno raggiunto la maturità, la nuova generazione abbandonano gli ambienti sicuri interni per riprodursi: quando le femmine adulte sono pronte cercano infatti una superficie di legno adatta sulla quale deporre le uova: il ciclo della vita continua così, causando ulteriori danni.

Come identificare un'infestazione di tarli attivi

Può essere difficile capire se hai un'infestazione da tarli attiva poiché il danno principale causato dalla loro presenza avviene solitamente all'interno del legname e difficilmente vedrai segni evidenti nell’immediato. Tuttavia, esistono una serie di segni rivelatori che possono aiutarti a identificare una potenziale infestazione da tarli:

  • Piccoli fori rotondi sul legno, in genere dal diametro di 1 o 2 mm
  • Polvere fine e polverosa attorno a questi fori
  • Tunnel nascosti all'interno del legname
  • Legnami o pavimenti deboli o danneggiati

Durante i mesi estivi (la stagione dei tarli va da maggio a ottobre circa), potresti anche scorgere dei tarli che emergono dai buchi all'interno del legname. Una volta che uno scarabeo del legno si è nascosto, si dirige istintivamente verso la luce. In questo caso, dovrai quindi controllare la presenza di questi animaletti, vivi o morti, nelle aree più sospette o sui davanzali.

I fori di uscita sono probabilmente il segno più evidente, ma non potrai vederli fino a quando gli scarabei adulti non saranno pronti a lasciare il legname, anni dopo la schiusa delle larve dei tarli. Quindi è buona norma cercare segni della loro presenza sulla parte posteriore o inferiore dei vecchi mobili.

Trovare buchi e danneggiamenti sui tuoi mobili o pavimenti non è sempre motivo di preoccupazione: potrebbero essere solo segni di una precedente infestazione da tarli che è stata a lungo inattiva. Se non sei sicuro, è meglio consultare uno specialista (per sapere come eliminare i tarli scopri di più sul sito glispecialistidelladisinfestazione.com).

Come sapere se il tarlo è attivo?

Giudicare se il danno che hai riscontrato sia un'infestazione da tarli attiva o meno è sempre la parte più difficile.

Un metodo popolare per testare un'infestazione da tarli attivi è riempire i fori di uscita con cera d'api o carta velina, lasciandoli in posa per un anno ed osservando eventuali stradine formate da animaletti. Che tu ci provi o meno, è sempre meglio parlare con uno specialista prima di procedere con qualsiasi trattamento.

Dove puoi trovare il tarlo?

Il tarlo può trovarsi ogni tipo di legno e relative superfici, tra cui:

  • Tavole del pavimento
  • Mobili
  • Travi generiche
  • Travi del tetto
  • Superfici in legno verniciate
  • Strumenti di legno
  • Falegnameria e legni strutturali
  • Lavorazione del legno decorativa
  • Strumenti musicali

Cosa attira il tarlo?

Alcuni tarli preferiscono legni teneri come pino, abete rosso e cedro mentre altri preferiscono legni duri come quercia, frassino e mogano. Tutti i coleotteri del legno sono attirati da superfici umide, perché sono più facili da masticare!

Il tarlo più comune si trova sia nel legno dolce che nel legno duro. Sebbene sia stato trovato in qualsiasi luogo, preferisce generalmente assi del pavimento umide come travi in ​​legno e mobili che sono stati verniciati o che al momento non hanno nessuna vernice.

Le larve dei mobili comuni mangeranno solo la sezione esterna del legno. Questo perché tale zona possiede più sostanze nutritive ed è priva di tossine, a differenza dell’interno di certi legni, come il pino o la quercia. Se i tuoi mobili sono realizzati in legno massello di buona qualità, hai un rischio molto più basso di riscontrare un'infestazione da tarli.

Quanto è grave l'infestazione da tarli?

L'entità del danno causato dipende dalla specie, dalle dimensioni dell'infestazione e da ciò che è stato infestato. Non tutti i tarli sono dannosi. Tuttavia, se non trattato nel tempo, il tarlo può indebolire gravemente il legname, causando gravi danni all'interno della sua struttura.

Come prevenire il tarlo

Sebbene sia difficile tenere completamente lontano il tarlo, puoi sicuramente rendere la tua casa meno allettante in questi modi:

  • Mantenere tutto il legno asciutto
  • Mantenere la casa calda e ben ventilata
  • Acquisto di mobili in legno di buona qualità
  • Sigillatura del legno con vernice
  • Controllare attentamente la presenza di segni di tarli durante l'acquisto di mobili antichi o usati
  • Rimuovere il legno infetto da casa tua
  • Sostituire i legni infetti
  • Utilizzare trappole per catturare e contenere termiti adulte. Speriamo che prima abbiano la possibilità di accoppiarsi!

Come sbarazzarsi di tarli

Prima di trattare qualsiasi tipo di tarlo, è estremamente importante identificare correttamente il tipo di tarlo che hai a che fare. Se non sei sicuro, è sempre meglio consultare prima uno specialista.

Se il tuo problema con i tarli colpisce solo piccoli oggetti come i mobili, puoi trattarlo efficacemente da solo utilizzando le giuste tecniche e trattamenti.

Puoi facilmente trattare i tarli comuni con un'applicazione a pennello, immersione o spray a base di permetrina su tutti i legnami colpiti dal tarlo. Come precauzione dovresti anche trattare i legni vicini per proteggerli da futuri focolai. Non dimenticare di riverniciare le superfici trattate una volta asciutte.

Le infestazioni di tutti gli altri tipi di tarli avvengono maggiormente in profondità, nelle cavità di un legname e proprio per questo motivo è essenziale trattarle con l'iniezione di prodotti appositi ed effettuare quindi un trattamento speciale. Questo può essere fatto introducendo spray per il trattamento del tarlo nei fori di uscita. In alternativa, è possibile perforare la zona infestata e riempire il legno con un gel o una colla apposita per il trattamento dei tarli.

Se sospetti di avere un'infestazione da tarlo, è sempre meglio consultare uno specialista. Tutto il legname all'interno dell'edificio dovrà essere trattato e ispezionato per verificarne l'integrità strutturale.

Un professionista dovrebbe saper trattare anche eventuali gravi infestazioni con conseguenti danni estesi.

You may also like...