Costi per sostituire i termosifoni: incentivi fiscali solo in determinate condizioni

Il termosifone è il sistema di diffusione del calore ancor oggi più utilizzato e presente in moltissime case. Il classico calorifero non è certo un oggetto particolarmente grazioso e spesso viene nascosto o coperto da strutture su misura per migliorare l'estetica dell'ambiente. Si può anche decidere di sostituire un vecchio modello con termosifoni moderni: oggetti di design che danno un tocco di originalità pur mantenendo una buona funzionalità.

Quanto costa sostituire un termosifone?

Dovendo sostituire un vecchio calorifero è necessario considerare, non solo la spesa per il termosifone, ma anche i costi per la sua installazione. Il primo aspetto dipende dal modello scelto e dal tipo di materiale. Volendo qualcosa di originale che diventi un vero e proprio complemento d'arredo, è necessario rivolgersi a prodotti di design che sfruttano le ultime innovazioni tecnologiche per creare termosifoni dalle forme geometriche originali, con linee moderne e spesso avveniristiche. Anche il materiale incide sui costi, con la ghisa che rimane la soluzione più dispendiosa ma anche quella con la miglior efficienza. L'acciaio e alluminio possono essere un'alternativa più economica ma con prestazioni inferiori e con maggiori problemi di ossidazione.

Un idraulico professionista dovrà provvedere a rimuove il vecchio modello, fissare e collegare il nuovo apparecchio. Potrà utilizzare valvole e tappi già presenti oppure montarne di nuovi. Il lavoro non dovrebbe richiedere più di un paio d'ore e comprende anche le operazioni per lo spurgo dell'aria e il controllo del corretto funzionamento del termosifone installato. La cifra necessaria può variare dai 50 ai 100 euro a seconda delle situazioni.

Incentivi fiscali

Non sempre è possibile godere degli incentivi fiscali per la sostituzione dei termosifoni. L'Ecobonus del 50% sulla spesa totale riguarda anche i radiatori solo se viene acquistata una nuova caldaia. Di conseguenza la sostituzione solo di uno o più termosifoni non dà diritto a nessun tipo di detrazione.

Dovendo cambiare anche il generatore di calore e ricevendo preventivi per sostituire i termosifoni con gli incentivi fiscali particolarmente bassi, è bene prestare molta attenzione. Dietro l'iniziale risparmio, il più delle volte, si nasconde una scarsa qualità del lavoro e una mancanza di professionalità. Potrebbe capitare anche la situazione contraria, ovvero un preventivo troppo alto: in questo caso il poco onesto artigiano ha presumibilmente gonfiato la cifra, facendo leva sulla propensione alla spesa del cliente vista la possibilità di ottenere un rimborso del 50%.

A chi rivolgersi

Per richiedere preventivi per sostituire i termosifoni con gli incentivi fiscali oppure senza, è necessario disporre di un buon numero di professionisti a cui inoltrare la richiesta. Non rimane che mettersi alla ricerca sulla rete con tanta pazienza. Si può evitare tutto questo visitando la home page di Instapro.it: sito specializzato nel selezionare artigiani e aziende specializzate per lavori di ristrutturazione e molti altri servizi. In questo caso il cliente non deve far altro che compilare un modulo online con tutti i dati e le informazioni. Ci penserà Instapro ad inviare la richiesta ai professionisti ritenuti idonei che, nel giro di breve tempo, invieranno la propria offerta al cliente. Quest'ultimo potrà valutare i preventivi ricevuti senza impegno, con assoluta calma ed eventualmente contattare l'artigiano con la proposta più interessante. Tutto questo senza muoversi da casa ma soprattutto senza spendere nemmeno un euro.

You may also like...